sao-nicolau-im

LE MONTAGNE DELLA TERRA DI “CHIQUINHO”

Fondato nel 30 agosto 1731, il villaggio di Ribeira Brava è stato il capoluogo dell ‘isola di San Nicola sino al 2005, anno in cui il territorio di Tarrafal diventò municipio, e ottenne la sua autonomia. Isola agricola per eccellenza, San Nicolao è una delle isole in cui si sta sviluppando il turismo rurale e agreste a Capo Verde. Ogni giorno che passa, l’isola conquista sempre più turisti che vogliono scalare il “Monte Gordo”, passare attraverso la valle verde della Faja, e avventurarsi lungo i numerosi sentieri che si snodano tra le montagne.


La ricchezza paesaggistica e ambientale, che si estende dai monti al mare, è esaltata dalla ricchezza storica e culturale che caratterizza anche tutta l’isola. Qui è nato Baltazar Lopes da Silva, l’autore del celebre romanzo “Chiquinho”. Per molti ostituisce l’opera di riferimento per tutta la letteratura capoverdiana. Per questo incontrerete una statua imponente in suo onore, nel cuore del villaggio di Ribeira Brava.


La tradizione musicale di questa terra è ormai un elemento importante della cultura dell’isola. San Nicolao fu terra natale del grande maestro Paulino Vieira, e di artisti come Toy Vieira, Nish Wadada, Manu Soares, Nelson Freitas, Johnny Fonseca, Johnny Ramos e William Araújo, per citarne alcuni. San Nicolao possiede anche quello che è stato il primo campo di concentramento di Capo Verde. Una parte importante della storia coloniale del paese, di cui ci sono solo rovine.
Terra affascinante, l’isola ospita due delle sette meraviglie di Capo Verde: il parco naturale di Monte Gordo e la spiaggia Carbeirinho. Non mancano certo gli spunti da cui partire per esplorare il fascino di terre nascoste delle montagne “Chiquinho”. Siate avventurosi!

RIBEIRA BRAVA

Terra di cultura e di strade strette …

Eletto patrimonio nazionale di Capo Verde nel 2010, Ribeira Brava è una città accogliente, anche se continua ad essere chiamato “villaggio”, con molte case che custodiscono l’eredità coloniale, e dove si esalta la sua architettura unica. Per un’avventura nel centro storico di Ribeira Brava, un paio di scarpe da tennis, o scarpe da passeggiata a saranno il vostro più grande alleato. Vi attende dedalo di strade e stradine con salite ripide, in alcune delle quali ci passa a mala pena una macchina, in altre appena una bici… ma vale la pena scoprirle.

 DOVE ALLOGGIAR

San Nicolao potrete trovare varie pensioni, e alcuni alberghi residenziali, sia in Tarrafal che a Ribeira Brava. All’interno l’isola riesce a trovare alcune sistemazioni più rustiche che forniscono esperienze uniche per i visitatori e consentono alla popolazione locale di sfruttare potenziale del territorio legato al turismo rurale.

 DOVE MANGIARE

San Nicolao offre un menù vario a chiunque voglia visitare l’isola. C’è una grande scelta tra pesci locali, tra cui l’aragosta, e i piatti a base di carne. In entrambe le città è possibile trovare alcuni ristoranti, ma soprattutto di notte, non recatevi a cenre molto tardi. Se vi piace la carne di capretto avrete modo di provare una prelibatezza della cucina di questa isola: il “Modje” di San Nicolao, ma può anche provare una buona zuppa di pesce. dolci artigianali e formaggio di capra tradizionale completano il menu relativo ai dolci.

 DOVE ACQUISTARE

Sia a Tarrafal che a Ribeira Brava, troverete alcuni negozi e mercati locali con manufatti tradizionali. Le lattine del tonno di San Nicolao pessono rappresentare un bel souvenir dell’isola, così come marmellate locali o il grogo di San Nicolao.